L’Utile

Sabato mi sono annullato, completamente impotente, nella girandola televisiva di edizioni straordinarie, speciali, approfondimenti, che è seguita alla barbarie di Brindisi. Non ho capito quasi niente, non sono riuscito a realizzare ciò che è successo. Troppo dolore, un dolore che era anche, se così si può dire, personale, perché le scuole e i ragazzi sono gli stessi ovunque.

Stanco di saltellare tra uno sciacallo e l’altro, mi sono sintonizzato su Raitre, che stava mandando in onda un’intervista a Rita Borsellino, registrata il pomeriggio a Palermo, in piazza, durante la manifestazione di solidarietà alle vittime di Brindisi. La moglie del magistrato spiegava che, nei giorni del dolore, le era stata di grande conforto la reazione dei palermitani, e di tutti gli italiani, alla violenza criminale della mafia. Borsellino auspicava quindi che la reazione di Brindisi e delle altre città italiane sortisse lo stesso effetto con i familiari delle studentesse colpite nell’attentato alla scuola Morvillo-Falcone. A quel punto è terminata l’intervista e il giornalista dallo studio ha passato la palla, per un breve commento, al senatore Giuseppe Pisanu, già ministro degli interni di un governo Berlusconi. Pisanu ha commentato le dichiarazioni di Borsellino dicendo, senza nemmeno rendersi conto della portata delle parole che pronunciava, che il sacrificio delle vittime della strage di via d’Amelio era stato in qualche modo utile allo Stato, poiché aveva spinto le istituzioni a fare quadrato contro la mafia e a dare finalmente una risposta decisa alla criminalità.

Sono saltato sulla sedia, a Emiliana è andato di traverso il fumo della sigaretta. La strage di via d’Amelio: “Utile?”

Questa specie di pensiero politico utilitarista in qualche modo esiste, ne sono consapevole, solo che di solito è così distante, così nascosto dal mio quotidiano, che me ne dimentico. Quando mi ci scontro sento che mi colpisce come una frustata: è veloce, un flash, fa male, ma lascia una cicatrice sottile, di cui in poco tempo mi scordo. Credo che sia così, che mi faccia quest’effetto, perché è qualcosa di completamente alieno, l’utilità della barbarie. Che una mattanza possa essere utile è difficile anche da immaginare. E non è facile nemmeno figurarsi i luoghi dove un’idea simile viene teorizzata e sostenuta: i palazzi (e le baracche) del potere politico ed economico. È un’idea talmente folle che risulta difficile immaginare la fisionomia di coloro che ne potrebbero essere gli alfieri, se non saltassero fuori dei Pisanu, coi loro volti aridi, a darne un’idea più o meno precisa.

Chi affila armi umanitarie, chi soffia sul fuoco dell’odio per il diverso, chi sghignazza pensando agli affari che farà grazie a un terremoto, chi assolve l’orrore, vede davanti a sé, grazie a un paio di occhietti porcini e miopi, quello che chiama l’Utile. O magari non lo vede neppure, solo pensa ci sia perché così gli hanno insegnato. Non sa, non comprende o finge di non sapere che nel sangue di Borsellino e degli agenti della scorta non c’è stato niente di utile e che nel sangue di Melissa non c’è niente di utile, non ci sarà mai.

Annunci

Tag:, , , , , ,

About Emiliano B

Un lombardo in Emilia. Insegnante nelle scuole secondarie. Amo le lettere, la musica di Seattle, il calcio, i vizi.

One response to “L’Utile”

  1. maurizio vito says :

    Le considerazioni di figuri quali Pisanu sono talmente prevedibili da lasciare in noi che le “preveniamo” solo pena. In un secondo tempo. Prima, ovviamente, c’è il personale ribrezzo e la personale rabbia nei confronti di questi portatori insani di pensierino unico, questi facilitatori e utilizzatori finali di quell’utile che declamano. A scapito di chiunque sia al di fuori di quella loro raccapricciante cricca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: